Recensione Pandora’s Box 5S, e si torna in sala giochi!

Uno dei sogni di qualsiasi vecchiardo nato negli anni ’80 è stato senza dubbio potersi portare a casa l’atmosfera delle ore passate in sala giochi a consumare 200 lire a rotta di collo ed avere tutti i propri giochi arcade preferiti sempre a disposizione. Negli anni il MAME e tanti altri mezzi ci hanno parzialmente restituito questo piacere, ma questa Pandora’s Box 5S ha un sapore decisamente più particolare. Scopriamola insieme!

Da appassionato di videogiochi da tempo immemorabile quale sono non potevo lasciarmi sfuggire la recensione di Pandora’s Box 5S e la possibilità di un tuffo nel passato, e per questo ringrazio Gearbest che ci ha fornito l’unità che abbiamo testato e descritto in questo articolo.

Ma veniamo subito al dunque, di cosa si tratta? Pandora’s Box 5S è fondamentalmente una retro-console che unisce l’aspetto di un pianale da sala giochi con i classici stick e pulsanti ad un cuore composto da una scheda JAMMA colma di ben 999 giochi arcade tra i più famosi. La confezione comprende inoltre tutto il necessario per renderla immediatamente fruibile da qualsiasi TV o monitor abbiate in casa, e nel dettaglio:

  • Console Pandora’s Box 5S
  • Alimentatore 12V (presa cinese)
  • Cavo HDMI
  • Cavo VGA
  • Cavo USB
  • 2x pulsanti di ricambio
  • Manuale

PANDORA’S BOX 5S, HARDWARE E PRIME IMPRESSIONI

Il cuore di questa console è quindi una scheda JAMMA (lo stesso genere utilizzato ai tempi dalle maggiori software house giapponesi, ma riveduta e corretta) che, unita ad una scheda MicroSD da 8GB, consente di offrirci un migliaio di videogiochi tra i più famosi del ventennio 1980-2000. Il tutto è collegato ovviamente ai pulsanti (sostituibili) e agli stick di movimento in perfetto stile sala giochi, e viene affiancato da uno speaker integrato che consente di usufruire dell’audio direttamente dalla console, nel caso non disponessimo di un collegamento HDMI e relativo trasferimento audio o non volessimo utilizzare ulteriori cavi oltre a quello VGA per inoltrare il sonoro ad un monitor.

Aprire Pandora’s Box 5S e verificare di persona il suo contenuto in qualunque caso è molto semplice, basta occuparsi di due viti ed il gioco è fatto. La semplicità e gli ampi spazi del suo interno aprono oltretutto le porte ad un eventuale modding in cui potremmo voler sostituire la scheda JAMMA con un più recente e performante, in futuro, e consentono di lavorare su eventuali pezzi da sostituire in maniera molto semplice.

Completa il quadro generale un pannello posteriore molto ricco e grazie al quale basteranno un paio di collegamenti per dare il via al divertimento. Troviamo infatti il tasto di accensione, l’attacco per l’alimentatore da 12V/5A, una porta HDMI, una VGA e ben due porte USB. Completano la dotazione l’output per l’audio, la rotellina del volume per l’utilizzo dello speaker integrato e il tasto CFG, il quale permette di accedere ad alcune semplici impostazioni di sistema.

PANDORA’S BOX 5S, LA NOSTRA PROVA

Ma passiamo alle cose serie: come si comporta nell’utilizzo? Attacchiamo l’alimentatore, il cavo HDMI ad una TV 55″ e via! Ci troviamo immediatamente davanti ad un breve video inziale munito di musichetta epica e accattivante che culmina poi nel sistema vero e proprio! Da qui basta prendere possesso di una delle due postazioni e cominciare a scorrere tra la miriade di giochi (grazie al cielo in ordine alfabetico).

Nota: al primo avvio la TV ha riconosciuto la console con la risoluzione nativa dei cari vecchi arcade e ci siamo ritrovati davanti ad un quadrato disperso in decine di centimentri di schermo nero, come appunto a replicare le esatte dimensioni di un cabinato, ma è bastato intimare alla TV di usare l’impostazione “Wide” per avere immediatamente un’esperienza a schermo intero.

Prima di prendere il via e scegliere il primo gioco non abbiamo potuto non notare (e apprezzare) gli effetti creati dai vari LED colorati presenti all’interno della console…quel tocco di tamarraggine in più che si accosta benissimo all’atmosfera da sala giochi che Pandora’s Box 5S vuole suscitare.

Come prima scelta mi butto subito su qualche classico picchiaduro con cui mi ero cimentato ai tempi d’oro per testarne il feeling ed eventuali differenze, e il primo impatto è più che positivo. Da Street Fighter 2 a Marvel VS Capcom, passando per Art of Fighting e Fatal Fury, tutti i titoli di quella generazione restituiscono un’esperienza pari a quella dei cabinati e non soffrono di alcun bug. Gli stick e i pulsanti reagiscono benissimo ai comandi e non sembrano particolarmente fragili.

Il primo neo (riscontrato poi su qualche altro gioco) arriva al momento di caricare Mortal Kombat, discretamente giocabile ma con un frame rate abbastanza basso che alla lunga può risultare fastidioso. Si tratta comunque di un problema riguardante una manciata di giochi tra quelli presenti in lista, e parliamo comunque di titoli giocabili seppur non al massimo della forma.

Le prove sono poi proseguite a più riprese durante svariati giorni e hanno abbracciato qualsiasi categoria: tanti Beat’em up (Double Dragon, Final Fight, Captain Commando, Knights of the Round, Turtles, ecc.), svariati classici di tutti i generi (Shinobi, Bubble Bobble, Super Mario Bros. Metal Slug, per citarne alcuni.), qualche piccola fissazione del sottoscritto come Caveman Ninja e in generale quasi tutti i giochi presenti tra quelli conosciuti in occidente. Il risultato è ottimo e solo raramente si può incappare in qualche rallentamento in situazioni confuse e particolarmente “cariche” di personaggi.

Insomma, siamo davanti ad un prodotto senza dubbio indirizzato ai nostalgici o agli appassionati più incalliti e soprattutto siamo davanti ad un prodotto ben riuscito. Il feeling con i comandi è ottimo, la console è praticamente immediata da installare e la vasta selezione di giochi non delude in varietà e neanche in prestazioni. Se come il sottoscritto siete amanti dei cabinati e degli arcade questo è un’acquisto che dovreste assolutamente considerare. Il prodotto da noi testato grazie all’unità fornitaci da Gearbest si trova intorno ai 120€-130€ nel momento in cui scriviamo, ma ci sono anche versioni più vecchie (come Pandora’s Box 4S) o leggermente più aggiornate a livello di quantità di giochi, ed i prezzi fluttuano ovviamente in base a questo.

Vi lascio con il link alla pagina di Pandora’s Box 5S su Gearbest e vi ricordo il nostro servizio giornaliero di segnalazione offerte e codici sconto dai maggiori shop cinesi. Potete seguirci sul nostro canale Telegram per tutte le offerte in tempo reale, oppure chiedere consigli e avere sempre una panoramica sui nuovi sconti nel nostro gruppo Facebook The China Hub. Naturalmente potete trovare tutto anche qui sul nostro portale, nel caso voleste dare un’occhiata.

Pandora’s Box 5S su Gearbest – Vai al prodotto

8.1 Total Score
Bello, bello, bello!

Un ritorno al passato con veramente pochi difetti e la possibilità eventualmente di aggiornare il tutto un domani! Un must per tutti gli amanti del genere!

Design
9
Hardware
7.5
Dotazione
8
Riparabilità/Customizzazione
8.5
Prezzo
8
User Rating: 4 (1 votes)
Dicci la tua nei commenti!

Leave a reply